Giardino esotico Pallanca

Su un ripido pendio roccioso, a picco sul mare sorge il Giardino Esotico Pallanca, spettacolare monumento naturalistico realizzato da Giacomo Pallanca, allievo e in seguito collaboratore del grande botanico Ludwig Winter. L’attività, portata poi avanti dal figlio Bartolomeo, nasce all’inizi del secolo scorso quando Giacomo Pallanca comincia a coltivare e vendere con grande passione piante esotiche e succulente. L’attività, nata come Stabilimento Orticolo Floreale prima del Conflitto Mondiale, fu prevalentemente commerciale e dedita alla coltura e alla vendita di piante ornamentali e fiori. Finita la guerra la fondazione fu riorganizzata e Bartolomeo si dedicò alla riorganizzazione dell’impresa e alla coltura della Cactacee. Un’opera che si continua come tradizione di famiglia, in quanto i Pallanca hanno contribuito alla realizzazione dei più famosi orti botanici in tutta Europa. Il giardino esotico fu aperto al pubblico nel 1989, arrivando oggi ad essere tra i luoghi più interessanti della Riviera dei fiori ed entrando a far parte dei Musei e dei Siti d’interesse Culturale, Ambientale e Paesaggistico italiano.

IL PROGETTO
Il microclima e la posizione del terreno, con la caratteristica disposizione “a fasce” tipica del paesaggio ligure, ha favorito l’attecchimento e l’acclimatazione di piante provenienti da tutti i cinque i continenti: troviamo esemplari provenienti dall’Australia, dalle Americhe, dall’Asia e dall’Africa.
Percorrendo le zone a aperte al pubblico su può godere di piacevoli viste del caratteristico paesaggio a picco sul mare. Questo luogo vanta, nei diecimila metri quadri di Parco, almeno tremila varietà e circa trentamila esemplari di Cactacee e Succulente, disposte in un gioco verticale di terrazzamenti delimitati da muretti a secco costruiti ad arte.

SPECIE ESOTICHE E SUCCULENTE
Percorrendo il Giardino esotico, che prende forma da cento anni di storia, si possono ammirare tremiladuecento specie di piante succulente e trentamila esemplari organizzate e divisi secondo il paese di Origine. Troviamo, tra le altre, esemplari di Neobuxbaumia polylopha alti sei metri, Copiapoa di oltre trecento anni o Carnegia gigantea, il cactus dei film western.
L’esemplare più antico di Copiapoa, pianta originaria delle Ande in Cile, si stima abbia età intorno ai trecento anni.

 

Contatti

Via Madonna della Ruota 1 - Bordighera(IM)

018 4266347

http://www.pallanca.it

Altre info

intero 6,00 euro - ridotto: 5,00 euro (comitive min.10 persone) - gratuito: minori di 10 anni

Tutto l'anno (aperto 2 giugno e 15 agosto)

invernale dalle 09:00 alle 17:00; estivo dalle 09:00 alle 12:00 e dalle 14:30 alle 19:30

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata