Fichi essiccati

Tradizione del Mezzogiorno d’Italia, il fico secco è una pietanza semplice da preparare, in passato servito come dolce. Scrisse l’Abate Giocchino da Fiore: «Nientemeno più prezioso, e per la copia e per la perfezione egli è il raccolto dei fichi. Principia egli nel mese di giugno e si allunga fino all’altro di decembre, sempre l’une succedendo all’altre … nere, bianche, altre brune, altre rossaccie, tutte però così dolci, che filano dalla creduta bocca stille di miele, e come se per filarlo non bastasse una sola apertura sul capo, sovvente ancora si stracciano per i fianchi».
I fichi più adatti da essiccare sono quelli prodotti da alberi di vecchia data, situati in zone difficili da raggiungere. La raccolta avviene a mano, da fine agosto agli inizi di dicembre. I fichi vengono fatti essiccare, a seconda del clima, per sei o sette giorni e successivamente riposti in contenitori di terracotta o legno e infine fatti riposare in luogo fresco.
Oltre alla versione semplice, li si può trovare in commercio farciti con altri ingredienti come mandorle, noci e cioccolato. Prevalentemente il fico secco è una pietanza molto semplice da preparare, ma esso è senza dubbio un dessert molto particolare e in passato, in assenza di dolci, veniva servito addirittura come tale.

Contatti

Matera(MT)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata