Cantina Arnaldi Caprai

Nella provincia di Perugia sorge la città di Montefalco, che deve il suo nome a Federico II dopo il suo soggiorno, attorno al 1250, sul colle più alto di un sistema collinare ai margini della Valle Umbra. In questo territorio, ricco di arte e di storia, cantato da Plinio, da Byron e da Carducci, sulle dolci colline circondate da salici e pioppi, si trova l’Azienda Agricola Arnaldo Caprai, fondata nel 1971.

Sua specialità è la vinificazione del Sagrantino di Montefalco, grande vitigno rosso autoctono che da circa 400 anni cresce solamente qui. ed era a rischio di estinzione: Marco Caprai se ne innamorò e decise di recuperarne la grande tradizione.

E’ un vitigno che ha la caratteristica di una fioritura piuttosto precoce, seguita da una invaiatura media, e poi da una maturazione medio-tardiva.

L’aspetto della pianta è semi-eretto, dalla vigoria bassa.  L’apice del germoglio ha una forma simile a un ventaglio cotonoso, di un colore intermedio tra il verde e il biancastro, con gli orli carminati. La foglia un volta adulta e ben distesa è di media grandezza  e trilobata, a volte a cinque lobi. Le nervature sono setolose e la sezione del picciolo, è a U; la pagina superiore della foglia è vescicolosa e bollosa, mentre quella inferiore presenta una leggera tomentosità dall’aspetto lanuginoso.

Il grappolo è di dimensioni medio-piccole, di forma cilindrico-conica, gli acini che lo compongono sono piccoli e dalla buccia abbastanza pruinosa, di colore nero, di media grossezza e consistente.

Nel suo areale di coltivazione vegeta bene in tutti i tipi di terreno, anche in quelli profondi e freschi. Oltre al Sagrantino, sono coltivati altri due vitigni autioctoni, il Sangiovese e il Grechetto.

I vigneti di Sagrantino sono caratterizzati da una forma di allevamento compatta, ad elevata densità (cordone speronato e guyot), dato che, con le forme di allevamento tradizionali, tende  a produrre eccessivamente e ritarda la maturazione.

L’azienda  coniugare tradizione, innovazione e territorio, attraverso una sperimentazione continua, anche campo agronomico

Le tecniche infatti a coltivazione mirano a razionalizzare la gestione fitosanitaria e la riduzione delle concimazioni azotate, la valorizzazione genetica con la ricerca di nuovi cloni e lo studio delle migliori situazioni ambientali per la coltivazione del vitigno,

Un’ulteriore attenzione nei confronti dell’ambiente è la riduzione del consumo di del gasolio agricolo e degli impieghi di energia elettrica; anche l’acqua per le irrigazioni viene prelevatain modo da monitorare costantemente i consumi ed evitare inutili sprechi.

Nei vigneti inoltre sono in corso diverse prove sperimentali per migliorare la tecnica e la qualità tramite l’implementazione della biodiversità, in particolr modo attraverso tecniche di concimazione organica e di diversi miscugli di specie vegetali da sovescio per ottenere una concimazione del tutto naturale.

 

Contatti

Montefalco(PG)

0742 378802

http://www.arnaldocaprai.it

Altre info

su prenotazione

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata