Area Marina Protetta Isole di Ventotene e Santo Stefano

L’Area Naturale Marina Protetta “Isole di Ventotene e S. Stefano” è un’area protetta situata in provincia di Latina in Lazio, nel mare circostante le isole di Ventotene e Santo Stefano.
Le isole di Ventotene e Santo Stefano sono due piccoli paesaggi marini di origine vulcanica nell’arcipelago Pontino: rappresentano la parte sommitale di un antico vulcano che si stima avesse un diametro di una ventina di chilometri e un’altezza di poco più di 1000 metri.
Ventotene è la più grande, si estende su una superficie di circa 2800 metri di lunghezza per 800 di larghezza nella sua parte più ampia. S.Stefano, antistante Ventotene, è più piccola ed è sede dell’omonimo ergastolo chiuso ormai da molti anni.
Entrambe presentano un paesaggio caratterizzato da coste frastagliate, con falesie alte, di colore scuro, alternate a scogli, faraglioni e spiagge ciottolose. In altri punti si osservano franate di sassi circondati dalla nera sabbia vulcanica delle isole.

FLORA

Lungo le due isole è possibile imbattersi, a seconda delle stagioni, oltre che in coltivazioni di lenticchie e giardini trasformati in minifrutteti, in una vegetazione diversificata capace di resistere alle proibitive condizioni ambientali, dominate dal vento e dalla salsedine. Tra le principali varietà si segnalano le ginestre (Genistra ephedroides); palme nane (Chamaerops humilis) che per la loro dimensione ridotta contrastano l’azione del vento; lecci (Quercus ilex) pianta storica di Ventotene, ora pressoché scomparsa in seguito al disboscamento iniziato a partire dalla metà del XVIII secolo; cisti (Cistus monspeliensis e Cistus salviaefolius) che si adattano ai terreni lavici e ventosi; euforbie (Euphorbia dendroides e Euphobia helioscopia); elicrisi (Helicrysum litoreum); fichi d’india (Opuntia ficus indica) e finocchio di mare (Crhitmum maritimum)che regna sovrano in quanto capace di resistere alla salsedine e al fango.

FAUNA

Le scogliere continuano sotto la superficie del mare con lunghe pareti ricoperte di organismi incrostati e ricche di anfratti e di grotte tappezzate di spugne multicolori in cui si nascondono cernie piccole e grandi, polpi e murene e specie più rare come gamberetti pulitori o le cipree.
L’arcipelago rappresenta un punto di passaggio importante per l’avifauna mediterranea: vi si possono infatti osservare circa 200 specie di uccelli nella quasi totalità migratori.

Contatti

Piazza Castello 1 - 04020 Ventotene(LT)

0771 854226

http://www.riservaventotene.it

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata